BBreviU: Marvel’s Defenders

Partiamo dagli altri: prime recensioni di Defenders stanno assestando la serie tv che riunisce i personaggi Marvel delle serie Netflix su un dignitosissimo 6/10.

Forse un tantino stretto, ma comunque in linea con una serie attesa, che non aveva impressionato molto chi l’aveva vista in anteprima.

Un fatto che potrebbe anche essere fisiologico.

Defend the land – PARTE SENZA SPOILER

Sgombriamo subito il campo da possibili equivoci: Defenders è e resta una serie di alto profilo, che per l’obiettivo che si è posta riesce persino a fare meglio di quanto magari qualche criticone di turno si sarebbe aspettato.

Certo, non è perfetta: qualche passaggio logico e qualche tempistica saltano ma come si diceva è nell’ordine naturale delle cose.

Gli story arc narrativi da mettere insieme sono quattro, uno per ogni eroe, e contemplano tredici episodi di storia per tre di questi (Jessica Jones, Luke Cage, Iron Fist) più ventisei per il personaggio principale, Daredevil.

Normale quindi che, rispetto all’Avengers di Joss Whedon, giusto per rimanere in tema di unioni di eroi in casa Marvel, Defenders soffra un pochino di qualche forzatura di troppo.

In generale, mettere insieme gli archi narrativi di cinque film (i primi due Iron Man, L’Incredibìbile Hulk, Thor, il primo Captain America) deve essere stato molto più semplice.

Nelle pellicole gli input sono ovviamente ridotti al minimo sindacale per questione di tempo.

Però questa non è solo una recensione apologetica: Defenders è valido perché, al di là di tutto, mette insieme quattro personaggi diversi con quattro storie diverse e li amalgama omogeneamente.

Ognuno dei quattro ha mille ragioni per non per non “volere superamici”citando Luke Cage in uno trailer, eppure ne trova una per  per unirsi in battaglia con gli altri.

Ognuno dei personaggi ha avuto perdite, anche gravi, e per questo vuole semplicemente arrivare alla conclusione della vicenda da solo.

Tutti però poi capiscono che ognuno degli altri compagni ha la stessa preoccupazione e che per arrivare alla fine toccherà fare fronte comune.

Uscendone, alla fine, come un gruppo.

Heroes and friends – PARTE CON SPOILER

Non sarà rimasto sorpreso chi ha visto l’ultima scena di Defenders, in cui Matt Murdock giace su un letto ferito assistito da alcune suore.

In un mondo dove è difficile che l’eroe muoia davveroo, Il lutto degli altri tre eroi, di Foggy, di Karen e di Claire è però tanto intenso che per un momento anche lo spettatore si suggestiona che Daredevil sia davvero rimasto sotto le macerie.

Non è così, ovviamente, ma tanto basta per generare quell’incertezza, quel senso di colpo di scena su cui Defenders non ha lesinato.

La lezione di Game of Thrones, ovvero un colpo di scena eclatante a due episodi dalla fine, è stata mandata a memoria.

Ecco quindi la morte della villain principale, Alexandra, per mano di Elektra che lei stessa aveva riportato dalla morte, e la leadership della stessa Elektra sulla Mano ha sparigliato le carte in tavola.

Una Mano che appare in realtà piuttosto confusa, insieme con lo spettatore. Non si capisce quale sia l’obiettivo.

Far crollare New York? Recuperare la sostanza che permette ai membri anziani della Mano di rigenerarsi? Come queste due cose sono collegate? A cosa serve Black Sky-Elektra resuscitata?

Volendo fare dell’ironia, c’è coerenza con Iron Fist, dove non erano chiare le intenzioni dell’organizzazione se non ottenere vita eterna e posizioni di potere nella società civile.

Sul fronte degli eroi, interessanti i rapporti verticali (anche in chiave di fedeltà ai fumetti) Matt/Jessica e Luke Cage/Danny Rand, utili anche a spiegare alcune incongruenze. Uno su tutti: è l’eroe di Harlem che fa notare ad Iron Fist che lui si limita a combattere “dal basso” quando con il suo status di miliardario potrebbe usare le proprie conoscenze. 

Una rilevazione che mostra anche come i Defenders siano eroi in formazione, approccio coerente con la filosofia Marvel.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *