Se vi siete iscritti all’università di Bologna dovete aver ricevuto il meraviglioso badge dell’Alma Mater. Questo insignificante tesserino di plastica possiede in realtà un potere assoluto, quello dello sconto, oltre ovviamente a quello di aprire le porte dei cessi. C’è lo sconto alle librerie coop che vi permette di comprare il Manuale di storia delle dottrine politiche a 36 euro anziché 40, c’è quello in gelateria e quello alle Scuderie. Si narra che qualcuno abbia provato ad usarlo all’Esselunga, ma pare non abbia funzionato.
Se buona parte dei margini di profitto sui surgelati si fanno sui fuori sede, così non è sulle attività sportive, tutte a prezzo di svendita per lo studente medio ingobbito che si iscrive nella società sportiva d’ateneo, il Cusb.
All’interno di questa enorme società sportiva ci sono le più disparate sezioni, oltre a quelle classiche come basket, nuoto e atletica, ve ne sono di meno note come l’orienteering. Uno sport semi sconosciuto, per lo più praticato alle scuole medie per insegnare agli studenti come ritrovare l’uscita dopo essersi recati all’ufficio del preside. Ma l’orienteering ha poco a che vedere con la noia di un’aula di scuola media. Per capirci meglio vi basterà guardare questo video

Per chi ancora avesse le idee confuse l’orienteering è uno sport di corsa in cui lo scopo è trovare una serie di punti detti lanterne (quelle cose bianche e arancioni che avete visto) nel minor tempo possibile attraverso una mappa in cui tali punti sono segnati. Vince chi impiega meno tempo ed esegue tutti i punti correttamente, insomma serve un po’ di cervello e un bel po’ di gambe.
Tutto ciò che viene fornito è una bussola, uno sportident, ovvero un microchip che segna il vostro passaggio presso le lanterne, e una cartina, nient’altro. Ma non c’è niente di cui temere, sono previste diverse categorie: da quella per chi ha appena cominciato fino alle categorie Elite.
Le cartine che vengono utilizzate sono realizzate con simbologie particolari, come giallo per il prato e bianco per il bosco. Nei dintorni di Bologna sono state eseguite diverse cartografie, oltre al centro storico vi è il parco S. Pellegrino, Villa Spada e i Giardini Margherita, mentre andando fuori porta vi sono le cartine di veri e propri boschi come Zocca e i Prati di Mugnano.

orienteering
Cartina dei Giardini Margherita

orienteering
Particolare cartina Soria, Spagna

Se volete provare l’ebrezza di immergervi in un bosco e correre in mezzo alla natura i ragazzi del CusB orienteering si trovano tutti i giovedì sera per una sgambata nei pressi dello stadio, qui potrete trovare i loro contatti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.