Hugo Pratt e 50 anni di Corto Maltese!

  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana
  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana
  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana
  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana
  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana
  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana
  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana
  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana
  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana
  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana
  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana
  • Hugo Pratt
    Mostra Hugo Pratt, PH_Anna Morana

Fino al 19 marzo 2017 Palazzo Pepoli ospita la mostra su Corto Maltese.

Il marinaio più famoso nel mondo dei fumetti. Il pirata avventuriero del XX secolo. La creatura più affascinante del celeberrimo fumettista Hugo Pratt.

Era il lontano 1967 quando Corto Maltese iniziò il suo primo viaggio in mare, lontano dalla vita legale, ma sempre dalla parte dei più deboli.

Quest’anno compie 50 anni, ma come chi “si mantiene bene” non li dimostra! C’è qualche ruga in più sul volto di questo personaggio affascinante, ma non per questo si classifica meno attuale.

Ma Corto Maltese non è solo, a fargli compagnia ci sono anche altri grandi opere di Pratt, addirittura più “anziane”.

Siamo nell’Africa Nera, qualche anno prima del I conflitto mondiale, ed Anna nella giungla, la bionda e intraprendente figlia di un medico inglese, è costretta a confrontarsi con noiosi ufficiali inglesi, guerrieri pericolosi, potenti stregoni e malfidati trafficanti d’armi e di schiavi.

Ernie Pike, in collaborazione con Hector German Oesterhled che ne ha scritto la trama, è un cronista americano che riporta le testimonianze commoventi di tutti i fronti della II Guerra Mondiale.

Gli stupefacenti disegni ad acquerello di Wheeling e degli Scorpioni del Deserto sono un biglietto a/r nell’Etiopia dei primi anni ’40, per conoscere personaggi storici attraverso personaggi immaginari.

E ne troverete ancora tante altre, ma non vogliamo rovinarvi la sorpresa!

Potrete vedere coi vostri occhi più di 400 disegni e ammirare la mostra in tutte le sue forme; l’interazione avviene anche attraverso video e proiezioni. Potrete addirittura ammirare i colori delle tavole da vicino!

Palazzo Pepoli ospita dal 4 novembre dello scorso anno la mostra a cura di Patrizia Zanotti, in collaborazione con Cong-Hugo Pratt art properties. Il 19 marzo è vicino, non potete perderla!

 

 

Eugenia Liberato

Eugenia Liberato

Fuorisede di origini abruzzesi, vivo e studio a Bologna presso la facoltà di Lettere e Beni culturali. I miei interessi, per (s)fortuna, sono molti e molto diversi tra loro: la convivenza, infatti, è sempre sull’orlo della crisi. BBU è la mia passione, è il contenitore dei miei capricci e dei miei doveri. Recensisco film per passione, perchè oltre quella non ho altro. La cronaca sociale è il mio secondo ambito di interesse, ma ci sto lavorando.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *