Con la “Brexit” possibili tagli alle riprese di “Game of Thrones”, preoccupata anche l’autrice di “Harry Potter”

brexit, game of thrones

Brexit minaccia le riprese della settima stagione di Game of Thrones.

Tremano i fan di “Game of Thrones”: la Brexit oltre a tagliare la Gran Bretagna fuori dall’Europa, potrebbe annullare anche i finanziamenti alla serie. Preoccupata anche l’autrice di “Harry Potter”.

Dopo la scelta della “Brexit” da parte del popolo britannico, ad uscire dall’Unione Europea potrebbero essere non solo la stessa Gran Bretagna, ma anche numerosissimi film e i loro splendidi scenari. È il caso dell’ormai seguitissima serie “Game of Thrones”.

È nel cuore dell’europea Irlanda del Nord, infatti, che i libri di George RR Martin si sono trasformati nella celeberrima serie. A Belfast, negli studi “Paint Hall”, sono state effettuate numerose riprese di interni, come la piramide di Meereen, mentre sulle sue incantevoli spiagge dell’isola sono state girate numerose scene di apertura della seconda serie.

E’ grazie a numerosi finanziamenti erogati dal “Fondo Europeo per lo sviluppo regionale” che la compagnia Hbo ha potuto sostenere gli elevati costi di produzione.

L’allarme è stato lanciato qualche giorno fa dal quotidiano Indipendence. I fondi sono stati erogati, spiega, perché la realizzazione di “Game of Thrones crea migliaia di posti di lavoro in Irlanda del Nord”, senza poi considerare il circuito turistico creatosi per visitare le zone delle riprese.

Senza i fondi europei, sarebbe difficile poter riproporre la stessa qualità delle prime serie. Al massimo si potrebbe sperare che la Gran Bretagna, con un po’ di magia, reinvesta i 15 miliardi di sterline, finora destinati all’UE, in politiche di sostegno.

E di magia parla anche J. K. Rowling in un suo Twitter , rispondendo ad una kettrice7 che le chiedeva di fare qualcosa contro la vittoriosa Brexit: “Non ho mai desiderato la magia così tanto come in questo momento”, ha twittato la scrittrice britannica, “La Scozia chiederà l’indipendenza dal Regno Unito. L’eredità del premier Cameron sarà la distruzione di due unioni: l’Unione Europea e il Regno Unito.

È forse la fine dei due mondi o semplicemente di due grandi sogni, quello di un’Europa unita all’insegna della pace e della fratellanza e di un’unica Grande Bretagna. Una data storica a cui nemmeno il celebre maghetto Harry Potter potrà porre rimedio, se non in una delle sue fantastiche avventure.

Claudia Contaldi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *