Tutte le parole che un non bolognese deve conoscere con la lettera “L”

saltare i fossi per la lunga, slang bolognese

L (seconda e ultima parte, lof-luz)

loffio agg., s.m. 1 scadente, noioso, di scarsa qualità; ” è stato il concerto più loffio di sempre” 2 persona poco attiva, apatica, noiosa; “Marco è un loffio di prima” ♦ dal gergo dialettale dei ladri, dei muratori e degli ambulanti lòfi agg., s.m. (=), poi passato al bol. comune. Per vedi anche scrauso. Per 2 vedi anche bleso, lesso

lopezBOCs.m. colpo improvviso e dolorosissimo sferrato col ginocchio contro la parte esterna della coscia, tra il Vasto laterale e il Bicipite femorale; “il 10 mi ha tirato un lopez della Madonna, ma nel secondo tempo gli spezzo le gambe”. Usato anche in Romagna e a Padova. Nessuno ne ha mai saputo fornire un’etimologia convincente

ludroBOC s.m. ghiottone, persona dagli insaziabili appetiti; “Luca sei davvero un ludro” ♦ dal dialetto lûder agg., s.m. (=)

ludrataBOC /n/ s.f. grandiosa abbuffata; “siamo andati da Amedeo e abbiamo cacciato una ludrata devastante”

luminoBOC  falistra salivare, sputo, sputacchino; “scusate mi è partito un lumino” ♦ dal dialetto lumén s.m. lumicino, lumino, (=)

lunga (fare la) /a/ loc. fare after; “stasera ho fatto la lunga“. Vedi anche drittone

lunga (tirarla in) loc. insistere, essere prolissi; “ho capito, smettila di tirarla in lunga

lunga (saltare i fossi per la) loc. iperbole. Essere in ottima salute, fisica e mentale. Detto dai nonni quando vogliono sottolineare le scarse prestazioni fisiche di un nipote; “io alla tua età saltavo i fossi per la lunga

lu-là, lu-léBOC/a/ pron. quello-là, quello-lì; “…lu-là l è Lee?” “lì? indóvv?” “no lì, là!” “ah, lu-lé!” cit. Ergio Maneschi – Un cinese a Bologna dalla raccolta fila liscia o fila strocca?

luzzo s.m. caduta rovinosa, spesso in seguito a una sguillata; “Ho fatto un luzzo del ’32”. Vedi anche cristo

 


 

Elenco simboli e abbreviazioni

agg. ………………….aggettivo/aggettivale
avv. ………………….avverbio/avverbiale
BOC ………………….Bolognesità d’Origine Controllata
f. ………………………femminile
inter. ………………..interiezione
inter. impr. ………..interiezione impropria
loc. ……..……………locuzione
m. ..………………….maschile
prep. ………………..preposizione/preposizionale
pron. ………………..pronominale
s. ……………………..sostantivo
top. ……...………….toponimo
v. ……………………..verbo/verbale
(=) ……………………di uguale significato
/n/ sta per nipoti e indica i lemmi coniati o utilizzati prevalentemente dai nati nel decennio’90-2000.
/a/ sta per antenati e indica i lemmi in dialetto o più vicini al dialetto, usati dai nonni e a volte dai nipoti.

I lemmi non seguiti dai simboli /n/ e /a/ non è stato possibile iscriverli in una categoria ben definita, per mancanza di dati certi sulle loro origini, o per il loro uso trasversale da parte degli appartenenti a tutte le generazioni, compresa quella di mezzo, cioè quella dei nostri genitori. La sigla N.V.P. (non verificato personalmente) identifica i lemmi per cui non abbiamo riscontro diretto, ma in uso in tempi o ambienti diversi da noi non vissuti o frequentati.

Per quanto riguarda l’ortografia dei lemmi è stato utilizzato l’OLM (Ortografia Lessicografica Moderna) del dizionario Bolognese – Italiano di Luigi Lepri e Daniele Vitali. All’occorrenza, abbiamo consultato il Dizionario Slang di Fernando Pellerano, il Vocabolario del Dialetto Bolognese di Gaspare Ungarelli e il volume edito dalla CARISBO Benéssum, alla ricerca dello stupure perduto errando fra dialetto e gergo a Bologna e dintorni di Andrea Mingardi. La fonte principe resta comunque l’esperienza personale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.