SPECIALE BBU: MIGLIOR SONORO E MONTAGGIO SONORO

Continua il nostro specialone sulla cerimonia culturale più importante e seguita dell’anno, dedicata a miglior sonoro e miglior montaggio sonoro. Questa è la volta di due categorie che spesso non vengono considerate, poiché troppo tecniche, ma che sono imprescindibili per la qualità del film, e sono considerate dai critici forse le più significative a descrivere gli orientamenti estetici del cinema cosiddetto “postmoderno”. Fin da quando, in un celebre testo del 1996, Laurent Jullier ha parlato di cinema concerto, ovvero della capacità (e necessità) dei film usciti dopo Guerre Stellari (1977) di immergere lo spettatore in un bagno di suoni meravigliosi e fuori dall’ordinario, al fine di trasmettere quell’immersività che è tipica della realtà virtuale. Vediamo come nel 2015 queste esigenze canoniche sono state interpretate!

Se il sonoro è la ricerca del suono stesso, ossia della sua qualità e significatività rispetto alle richieste del plot, il montaggio del suono è come questi effetti uditivi vengono predisposti nel tessuto audio-visivo del film. Alcuni di questi, pertanto, hanno raggiunto l’eccellenza, e quindi la candidatura, in entrambe le categorie, e per questo le riassumiamo in un’unica, per ragioni di sintesi:

  • Andy Nelson, Gary Rydstrom e Drew Kunin per Il Ponte delle Spie (Bridge of Spies, diretto da Steven Spielberg)

CANDIDATO PER: MIGLIOR SONORO

In questa scena, l'avvocato James Donovan (Tom Hanks) e il suo famigerato assistito Rudolf Abel (Mark Rylance) parlano di ciò che è costituzionale e di ciò che è morale, in una società sfregiata dalla Guerra Fredda
In questa scena, l’avvocato James Donovan (Tom Hanks) e il suo assistito Rudolf Abel (Mark Rylance) parlano di ciò che è costituzionale e di ciò che è morale, in una società sfregiata dalla Guerra Fredda

Film classico e denso di inventivahumor e dramma, ha segnato il ritorno al film storico di Spielberg dopo il pluripremiato Lincoln. Ci parla dell’avventura spy di un avvocato amministrativista che è incaricato dalla CIA di mediare uno scambio di prigionieri con la Russia del KGB. Si comprende come la ricerca sonoristica è qui fondamentale, a rendere gli effetti di tensione drammatica che l’opera richiede. I sound designer qui candidati hanno ricevuto in totale, nella loro carriera, 37 nomination all’oscar.

 

  • Andy Nelson, Chrisopher Scarabosio e Stuart Wilson per MIGLIOR SONORO
  • Matthew Wood e David Acord per MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

per Star Wars: Il Risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens, diretto da J.J. Abrams)

Rey (Daisy Ridley) e Finn (John Boyega), le due carismatiche new entry del film di JJ Abrams
Rey (Daisy Ridley) e Finn (John Boyega), le due carismatiche new entry del film di JJ Abrams

Film che ha fatto tanto discutere sul piano contenutistico e culturale, ma di sicuro non sul piano degli effetti spettacolari, in particolare di suono, non poteva mancare nella ridda dei candidati, anche solo per ragioni di prestigio. Come si può notare, i sound designer non sono tantissimi, quindi si occupano di più film, rendendo più probabile l’agognata vittoria (è il caso di Andy Nelson). I montatori hanno lavorato in alcuni tra i film d’azione, sci-fi e superheroes degli ultimi anni (e anche qualche film d’autore colossale come Il petroliere di Paul Thomas Anderson)

 

 

 

  • Chris Jenkins, Gregg Rudloff e Ben Osmo per MIGLIOR SONORO
  • Mark Mangini e David White per MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

per Mad Max: Fury Road (diretto da George Miller)

La caratteristica estetica dieselpunk dell'ultimo capitolo di una delle saghe d'azione più famose degli anni '80
La caratteristica estetica dieselpunk dell’ultimo capitolo di una delle saghe d’azione più famose degli anni ’80

Il film, già un cult del dieselpunk, con importanti risvolti politico-culturali, si sostanzia di un lunghissimo inseguimento, che poi si trasforma nel suo esatto contrario (una sorta di hunter-killer story), e come ogni inseguimento che si rispetti deve avere una coltre di suono impeccabile. Gli ingegneri che vi hanno preso parte sono già stati pluricandidati in passato e hanno lavorato a qualunque tipologia di film. Ben Osmo è un sound recordist, un fonico, ed è alla sua prima premiazione.

Once they are shed of iron and steel, they can slowly strip themselves of the other markers of their oil-dependent society: aggression and internalized violence. (Aja Romano – The Daily Dot)

 

  • Paul Massey, Mark Taylor e Mac Ruth per MIGLIOR SONORO
  • Oliver Tarney per MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

per Sopravvissuto – The Martian (diretto da Ridley Scott)

Il carismatico Matt Damon interpreta l'astronauta botanico Mark Watney, primo colonizzatore di Marte
Il carismatico Matt Damon interpreta l’astronauta botanico Mark Watney, primo colonizzatore di Marte

Film di pregio, sia per il mondo fanta che per quello scientifico, lodato dai critici e dagli spettatori, ma anche dagli scienziati, con il solo difetto di essere forse un po’ lento, è l’ennesima prova dell’ottimo lavoro tecnico svolto dal team di Ridley Scott, forse l’autore di cinema sci-fi più importante e longevo della storia del cinema. Ho scelto un’immagine tra le più significative del valore contenutistico della storia raccontata, meno sensazionalistica e più legata a mostrare i lati “crusoeiani” dell’eroe-protagonista. Non un film d’azione dunque, ma sicuramente un film ricercato. Dieci in totale le candidature dei quattro nomi che sono in lizza quest’anno, per i film più importanti degli ultimi dieci anni.

 

 

 

  • Jon Taylor, Frank A. Montaño, Randy Thom e Chris Duesterdiek per MIGLIOR SONORO
  • Martin Hernandez e Lon Bender per MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

per Revenant – Redivivo (The Revenant, diretto da Alejandro González Iñárritu)

"Attraverso gli incontri con la natura selvaggia, i corpi degli uomini cambiavano e diventavano qualcosa di diverso. Non erano più inglesi o europei. Erano americani” (Jon T Coleman)
“Attraverso gli incontri con la natura selvaggia, i corpi degli uomini cambiavano e diventavano qualcosa di diverso. Non erano più inglesi o europei. Erano americani” (Jon T Coleman)

Il film di Inarritu, lo abbiamo detto, è un film tecnicamente tra i più ambiziosi della storia: 12 sono le candidature totali per la sua epopea, a metà tra un film di Malick e un tomo di William T Vollmann. I quattro sound designer e i fonici che hanno lavorato col celebre regista messicano hanno tutti collezionato più e più nomination. Questo film, che consigliamo caldamente, è una storia visionaria e mostruosa, e il suono ne costituisce uno degli aspetti più salienti.

 

  • Alan Robert Murray per Sicario (diretto da Denis Villeneuve)

CANDIDATO PER: MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

La prima scena del film, macabra come solo i film del grande Denis Villeneuve sanno essere
La prima scena del film, macabra come solo i film del grande Denis Villeneuve sanno essere

Chiudiamo la carrellata con uno dei film più controversi del 2015, e considerato da alcuni anche il migliore: Sicario tratta di un’agente dell’FBI (Emily Blunt, in secondo piano nell’immagine) che viene ingaggiata, per ragioni formali, all’interno di una squadra speciale, coordinata dalla CIA a El Paso, che cerca di ristabilire l’ordine controllato dei tempi del cartello di Medellin (se non avete visto la serie Narcos, uscita nel 2015 per Netlflix, fatelo immediatamente). Tutto il film tratta dunque del senso di disorientamento di un’agente della polizia che si trova catapultata in un mondo dove la democrazia è sospesa, e dove vigono gli accordi e le vendette del mondo dei servizi segreti di Stato, pure in una facciata costituzionale. Puntellato da un cast stellare (Benicio Del Toro, Josh Brolin), il film riceve tre candidature, ed è l’ennesima conferma della genialità del regista francese di Prisoners. Dal canto suo, Alan Murray (un assiduo di Clint Eastwood) orchestra con precisione i suoni minacciosi del chrime-thriller.

Difficile fare un pronostico, anche se probabilmente i premi verranno assegnati entrambi a Star Wars. A parere di chi scrive, meritorio sarebbe Sicario, almeno per quanto riguarda il montaggio.

Diteci la vostra!
Diteci la vostra!

E le vostre preferenze quali sono? Scrivetecelo nei commenti!

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.