BBreviU: L’ora più buia

Un Gary Oldman vulcanico

Guarda che alcune delle cose che ci sono nel film sono successe davvero, non sono romanzate”. Parola di studentessa di Scienze Politiche, taciamo nome e ruolo ma invitiamo a prendere per buona la considerazione.

Com’è questa Ora più buia, dunque? Straordinariamente luminosa, e meritevole dei riconoscimenti ricevuti fin qui e di quelli che potrebbero arrivare.

Un Golden Globe 2018 per il miglior attore drammatico a Gary Oldman e le sei candidature agli Oscar, tra cui le categorie “Miglior attore” e “Miglior film” sono una decente conseguenza della qualità, altissima, della pellicola di Jow Wright.

In prima battuta, la vince con il sonoro. Strano a dirsi, ma alla fine il primo dei sensi a rimanere soddisfatto è l’udito, grazie all’alternanza suoni-silenzi-musiche .

Poi chiaro, lo è in combinazione con la vista, e anche lì si potrebbe dire che il bersaglio è stato centrato. L’ora più buia è tale perché è un’alternanza di luci, soprattutto all’inizio, e ombre, che si allungano man mano che il film procede.

Già, tutto bello ma la storia? Fedelmente ricostruita, e già qui ci sarebbe un plauso da fare. Poco da concedere a melodrammi vari ed eventuali, marginali perché scintille per provocare determinate azioni e nulla più.

Cast, a way

Gary Oldman è bravissimo (ma su questo potevano non esserci dubbi) nell’interpretare un Winston Churchill al tempo stesso strategico e vulcanico, zoppicante nella camminata e nella parlata, volitivo, tirannico quasi quanto il proprio nemico eppure in grado, alla fine, di prendere le distanze dal proprio ego.

Il supporting cast è altrettanto di livello. Ben Mendelsohn (che presumibilmente sarà il villain del Captain Marvel di cui sono uscite da poco le prime immagini)  è un re Giorgio IV insicuro e restio ad affidarsi a una personalità come quella di Churchill, Lily James è al tempo stesso segretaria umana e punto di ancoraggio dello spettatore, Kristin Scott Thomas una paziente ma a volte caustica Clementine Churchill.

Se non siete convinti dalla recensione, andate a vederlo di persona e vi verrà di meglio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *