Non vedi l’ora di andare in Erasmus ma non sai bene da dove iniziare? Bene, questa guida fa per te!

Trascorrere un periodo di studio all’estero è un sogno per tantissimi studenti, e l’Erasmus + Mobilità per studio è l’occasione perfetta per realizzarlo. Per fare un po’ di chiarezza, abbiamo deciso di creare una guida rapida all’Erasmus+ Studio suddivisa in tre parti: la prima sulla presentazione della domanda, la seconda sui finanziamenti forniti, la terza sulla compilazione del Learning Agreement.

Iniziamo parlando della presentazione della domanda: innanzitutto, ovviamente, occorre monitorare il sito del proprio corso di studi (sezione Opportunità) e il sito dell’ateneo (sezione Internazionale) per prendere visione del bando d’ammissione. Esso viene pubblicato orientativamente a inizio gennaio e viene riaperto, in caso di presenza di posti vacanti, solitamente nel mese di maggio e contiene tutte le informazioni indispensabili da sapere se si intende fare domanda.

È possibile presentare la propria candidatura se si è studenti UniBo, se ci si impegna a pagare regolarmente le tasse universitarie e se si soddisfano determinati requisiti linguistici, diversi per ciascuna università partner. Inoltre, non devono sussistere determinate incompatibilità meglio indicate sul bando di ammissione.
È importante ricordare che è obbligatorio dimostrare di possedere i requisiti linguistici richiesti, dunque se non si possiede una certificazione linguistica adeguata è importante prenotare e sostenere in tempo il test di accertamento linguistico presso una delle sedi del CLA (Centro Linguistico d’Ateneo).

È possibile effettuare domanda presso due diverse università (un’unica per il bando di riapertura). Riguardo le sedi di nostro interesse è necessario verificare accuratamente:

  • se prevedano o meno il colloquio obbligatorio con un professore e in tal caso valutare attentamente le tempistiche, per evitare eventuali problemi con le scadenze;
  • i requisiti linguistici richiesti, in modo da poter effettuare in tempo il test di accertamento linguistici o reperire la propria certificazione;
  • i dettagli dell’offerta, in particolare se sono presenti maggiori indicazioni sui criteri di valutazione adottati dal docente che esaminerà la candidatura.

La domanda viene effettuata tramite AlmaRM, una sezione di Studenti Online. È necessario caricare:

  • l’autocertificazione del diploma di laurea solamente se essa è stata conseguita presso un altro ateneo;
  • un certificato che attesti di possedere le competenze linguistiche richieste;
  • il proprio progetto di studio.

Il progetto di studio dev’essere compilato per ciascuna sede inserita. Esso comprende:

  • una lista degli insegnamenti che intendiamo svolgere all’estero (ottenuta consultando solitamente il catalogo delle materie dell’anno precedente);
  • una parte discorsiva, nella quale inseriamo tutte le motivazioni che riteniamo possano favorire la nostra candidatura. Generalmente consultando le descrizioni delle varie sedi è possibile ottenere qualche info in più su cosa e come verrà valutato; ma criteri piuttosto diffusi sono la valutazione della carriera, le competenze linguistiche dello studente, le precedenti esperienze all’estero e le altre motivazioni espresse dallo studente.

In caso di dubbi è sempre possibile rivolgersi all’Ufficio Relazioni Internazionali della propria Scuola di appartenenza o, in caso di domande più specifiche, al proprio docente proponente. Inoltre l’Università realizza diverse riunioni, utili per saperne di più o porre determinate domande.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.