La vita da studenti in sessione d’esami è una merda

0
309
Studio disperato bambina

Sessione d’esami: se questa è vita, non vorrai vivere

Studio disperato in sessione d'esami

A questo punto, molti paragoneranno la vita in sessione d’esami alla consegna di un progetto in ambito lavorativo. Così non è.

Non lo è perché presumibilmente quando consegni un progetto, gran parte del lavoro è ormai superato e ciò che hai prodotto non è un salto nel vuoto, è il frutto delle tue competenze. Gli esami no.

La sessione d’esami è come essere nella giungla: il pericolo è dietro l’angolo e non sai mai dove si nasconde. Forse non hai tutti i torti a pensare che gli esami sono un terno al lotto.

Chi mai potrebbe conoscere le mille e oltre pagine di medicina o giurisprudenza?
Chi mai potrebbe ricordare mnemonicamente tutte le dimostrazioni ed i teoremi?

Passi i mesi a studiare centinaia di pagine che dopo l’esame avrai già dimenticato, ti chiedi “perché?”. Perché devi esser costretto a studiare tutto ciò in maniera asettica? Perché devi fare tutto ciò quando ti viene ripetuto che il mondo del lavoro cerca altro?

Tra una lamentela e l’altra, la tua giornata prosegue. Piena di sacrifici, perché di sacrifici si tratta. Essere studente richiede la forza di volontà per superare quelle leggi della natura che ti distraggono dall’impegno (e non sto parlando degli amici bastardi che ti “costringono” ad uscire).

Fuori c’è il sole e tu sei in casa. Se non hai mai conosciuto la depressione, la sessione d’esami te la spiattella in faccia. Non parliamo dell’estate, quando tutti, amici e parenti, dal vivo e sui social, ti ricordano che il mare è una meraviglia e che le vacanze vanno godute per bene.

Ed in questo, l’esser fuori sede non aiuta. Se fino alla tua adolescenza la mamma (o la nonna) era lì, pronta ad accudirti
dal momento della colazione alla cena con tutti gli intermezzi del caso (cucinare, pulire, stirare ecc…), oggi è tutto nelle tue mani.

Così, attui la dieta al contrario, sopprimendo ansia e stress con millemila calorie.

La vita da studenti in sessione d’esami è una merda, ma a consolarti c’è sempre qualcuno che ti ricorda che questi sacrifici ti saranno utili in futuro e, se non c’è, te lo dico io.

 

Hai letto gli altri numeri di Rigurgito Sociale? Che Aspetti?