Un viaggio tra le associazioni dei rappresentanti dell’Unibo

Loghi delle associazioni dei rappresentanti
Loghi delle associazioni dei rappresentanti

Premessa. Il seguente articolo si pone il semplice scopo di informare gli utenti del blog, in alcun modo si vogliono esprimere pareri in merito alle associazioni dei rappresentanti.

L’articolo è il risultato delle informazioni raccolte dalla nostra Redazione, qualora vi dovessero essere errori e/o lacune, vi invitiamo a contattarci.

Il panorama dell’associazionismo universitario bolognese è molto vasto, in questo articolo ci dedicheremo a descrivere brevemente le sole associazioni di rappresentanza studentesca.

Student Office: è sicuramente l’associazione di rappresentanza più conosciuta ed apprezzata (visti i risultati elettoriali). I loro rappresentanti siedono in numerosissimi organi accademici, ricoprono la maggioranza dei seggi presso il Consiglio degli Studenti ed esprimono uno dei due rappresentanti degli studenti all’interno del Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo.

Student Office fa capo alla lista nazionale Coordinamento liste per il diritto allo studio (CLDS), federazione afferente al movimento di ispirazione cattolica Comunione e Liberazione, di cui fanno parte numerosi esponenti politici del centro-destra (esempi ne sono Maurizio Lupi, Mariastella Gelmini, Roberto Formigoni).

Il CLDS si è sempre dichiarato interessato alla politica universitaria, anche se spesso si può notare una sovrapposizione tra i soci di Student Office (nel nostro caso) e membri delle giovanili di partiti di centro-destra.

Rete degli Universitari: nata dalla scissione con il Sindacato degli Universitari si è presentata alle ultime elezioni all’interno del ‘cartello elettorale’ denominato UniSi (comprendente anche i ragazzi della Run e quelli del circolo Panenka, i quali hanno poi dato vita a Link). É la seconda forza politica all’interno del Consiglio degli Studenti ed esprime uno dei due rappresentanti degli studenti presso il Consiglio di Amministrazione del nostro ateneo.

Numerosi membri della Rete provengono dall’esperienza della Rete degli Studenti Medi, anche se tuttavia la Rete degli Universitari non ha dato vita all’Unione degli Universitari, prosieguo naturale delle basi della Rete degli Studenti Medi.

Anche grazie agli ex membri della RdS, la RdU può vantare un ottimo rapporto con la Cgil, non è difficile notare le numerose adesioni della Rete ad iniziative organizzate dal Sindacato suddetto.

Sindacato degli Universitari: associazione degli studenti indipendente da partiti e sindacati, che vede la sua forza all’interno della Scuola di Ingegneria ed Architettura. Alle ultime elezioni il Sindacato si è schierato insieme all’Interassociativo di Forlì e a quello di Cesena. A seguito delle dimissioni della sua e portavoce, conta oggi in CdS soli 2 rappresentanti. Il Sindacato ha affrontato una breve parentesi, tramite la stipulazione di un patto di lavoro, all’interno dell’Unione degli Universitari, per poi uscirne. Oggi, l’associazione sembra privata della gran parte dei soci.

Run – Sinistra Universitaria: lista facente capo al ‘cartello elettorale’ denominato UniSi, è la ramificazione dei Giovani Democratici (giovanile del Partito Democratico) all’interno dell’università bolognese, nonchè sede territoriale della Rete Universitaria Nazionale (Run).

Gruppo Prometeo: è l’associazione degli studenti indipendenti che opera all’interno della Scuola di Medicina e Chirurgia dal lontano 1992. Prometeo si batte da sempre per un uso moderato dei fondi assegnati dall’Unibo alle associazioni per la realizzazione di attività culturali, un uso che limiti lo spreco, perchè come si può leggere sul loro sito “Prometeo che fa i volantini bianco e nero in formato A5 per risparmiare, perchè i soldi degli studenti non si sprecano, e volantini belli e a colori non aggiungono nulla al messaggio che di volta in volta vogliamo portare“.

Scienze Indipendenti: è l’associazione degli studenti indipendenti che opera all’interno della Scuola di Scienze.

L’associazione è completamente autofinanziata ed è contraria all’utilizzo dei fondi per il finanziamento delle attività culturali, nonchè di quelli a disposizione del Consiglio degli studenti.

Link – coordinamento universitario: è il naturale prosieguo di tutti quegli studenti che hanno vissuto l’Unione degli studenti, con la quale è legata ed opera all’interno dell’organizzazione di secondo livello, denominata Rete della Conoscenza.

L’associazione è libera ed indipendente, frequenti sono tuttavia le collaborazioni con organismi sindacali (considerando anche il fatto che derivano da una scissione con l’Udu) e associazioni che operano a livello nazionale (es Libera).

Ci sono sicuramente altre associazioni dei rappresentanti che non conosciamo o di cui non avevamo sufficienti informazioni. Per ampliare l’articolo con queste informazioni, vi invitiamo a contattarci.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.